RECENSIONI AL FILM

RECENSIONI FILM

Opera "allucinante", precisa, puntigliosa, poetica, illuminante... è come assistere e seguire gli sviluppi del (non)caso Moro, per la prima volta. A tutti cade la mascella di fronte allo scenario proposto, tutto documentato al di là di ogni dubbio, e totalmente diverso dalla versione ufficiale e da ciò che è rimasto nella memoria collettiva di quell'evento e di quel periodo. Un'opera incredibile che sembra un film realizzato su una sceneggiatura romanzesca, di fantasia, se non fosse che è tutto vero, e costringe da oggi in poi a fare i conti con una realtà, con una verità, che ha superato ogni fantasia. Il vero punto di svolta nella storia italiana, raccontato come non si era mai fatto, in un (capo)lavoro di ricerca storica (incluse testimonianze inedite di personaggi chiave di quei 55 giorni) e di resa documentaristica. Un punto di ri-partenza per chiunque voglia ricostruire la dignità e il ruolo del nostro Paese sul fondamento della Verità. Grazie Tom un capolavoro assoluto... non c'è altro da dire... e rimarrà.. per sempre.                                                                                                                                                                                                      Mario Quaranta
Visto ieri sera con la mia compagna. Senza parole. La cosa più bella e toccante che abbia mai visto. Un documento che tutti gli italiani dovrebbero vedere. Spero ne esca versione DVD, sarò felice di acquistarla                                                                                              Leonardo Landi
Ho acquistato e visionato ieri lo strabiliante film di Tommaso Minniti. A lui e a Paolo Cucchiarelli le mie più sentite congratulazioni per un capolavoro di verità. Musiche, ambientazioni, personaggi, ricostruzioni: una galleria di dati impressionante da vedere e rivedere.
Che dire Tommaso, sono stordito, min 2:18:00 "Entrare nel fondo delle cose comporta il privilegio di metterle a fuoco e il rammarico di non poterle più raccontare". La presenza vocale tua e del tuo "metodo di raccolta e analisi" e quella di Moro si fondono e diventano inaspettatamente una grande fonte di ispirazione...                                                                                                               Lorenzo Acerra
È straordinario! È un pugno nello stomaco e anche commovente. Eccezionale Tommaso, tutta la mia ammirazione.                                                                                                                                                                                Alessandra Dallaserra
Buonasera Tommaso e complimenti per questo capolavoro, è un tesoro che andrà custodito per insegnamento alle prossime generazioni. Grazie ancora, sono onorata e orgogliosa di aver contribuito nel mio piccolo a tutto ciò.
foto%2520recensione_edited_edited.jpg
Gran bel film Tommaso! Vibrante di coscienza civile. Pieno delle domande che, da Sciascia in poi, non hanno trovato risposta da parte di chi avrebbe dovuto. Per fortuna esistono gli artisti come te e i giornalisti alla Cucchiarelli che invece le risposte le danno... e sono risposte che fanno male... Spero che sia visto e commentato e criticato... spero che vi siano letture diverse di ciò che è avvenuto dopo il 9 maggio... spero che la Repubblica prima o poi riesca finalmente ad affrancarsi, oltre che da potenze straniere, dall'ignoranza della propria storia che finisce per coprire di nebbia il destino di tutti. Grazie Tommy, grande prova.                                                                                                                               Paolo Mattei
Acquistata versione illimitata bellissimo documentario veramente complimenti ... sei eccelso.                                                                                                                                                                                                                                               Rhino Ridec
Ciao Tommaso, il tuo docufilm su Moro è di immenso valore. L’ho visto due volte, la prima da sola, la seconda con amici. Sono stati pomeriggi ricchissimi di studio, di ricerche incrociate sull’onda di quanto ascoltavamo. Un’occasione per rivedere tanti scenari geopolitici, certo noti, ma spesso conosciuti superficialmente. Lo rivedrò ancora, e poi ancora. Lo sto pubblicizzando ovunque trovi bacini ricettivi. Grande plauso a te, a Cucchiarelli e a tutti gli artisti che vi hanno preso parte.                                                                                                                                                     Maria
Guardare questo docufilm, frutto di un lavoro triennale meticoloso di Tommaso Minniti - attore, regista ma soprattutto mente eccelsa -, è stata una stretta al cuore. Un docufilm sicuramente scomodo ma che consiglio di cuore a tutti, da persona che ha giurato sulla bandiera italiana e che ha ascoltato l’ultimo monologo, immaginato di fronte ad un parlamento vuoto, con un nodo alla gola grande come un macigno che mi faceva respirare a fatica.
Ho visto anche io il film "Non è un caso, Moro" È davvero fatto molto bene. Non mi è mai capitato di vedere una rappresentazione così vicina e densa di patos al libro di riferimento, in questo caso L'ultima notte di Aldo Moro. Ci sarebbe da trasformare quest'opera così importante e così unica in qualcosa che possa raggiungere quante più persone, tipo scuole, università, mondo della cultura, etc.. Creare un grande dibattito per costringere lo Stato ad uscire allo scoperto. 
   
                                                                                                       Oreste Botticelli  
foto%2520recensione_edited_edited.jpg
Ho finito ieri sera di vedere un grande  capolavoro, in quanto intriso di verità che smontano le bugie di uno stato che è solo una struttura di potere che schiavizza il suo stesso popolo, eterodiretto dai soliti criminali. Alla fine del film mi sono commosso durante l’ipotetico discorso di Aldo Moro fatto alle nuove generazioni, affinché il suo sacrificio non resti vano. Grazie a te e a tutti quelli che hanno contribuito a realizzare quello che sarà il primo passo di una nuova era di amore e felicità di tutti gli esseri viventi. Il percorso sarà lungo e impervio ma se remiamo tutti dalla stessa parte possiamo farcela. “Restiamo umani”.                                                                                                                                                                       Sergio
All'epoca dei fatti avevo appena 9 anni ed ero già troppo impegnato ad assorbire le altre grandi bugie offerte dal sistema e dalla scuola per poter capire la portata di queste nuove menzogne offerte dall'informazione. Poi negli anni ho intuito che in quel momento fatidico, il 9 maggio del 1978, si consumava il nostro 11 settembre. Le Twin Towers sono crollate in una manciata di secondi, noi invece, che non siamo spettacolari e sbrigativi come gli americani, ci abbiamo messo 55 giorni per veder crollare tutte le certezze riposte nello Stato...Grazie Tommaso; il discorso di Moro alla fine del film mi ha commosso.                                                                                                                                                                                        Dario Morandi
Invia un tuo commento a noneuncasomoro@gmail.com
foto%2520recensione_edited_edited.jpg
Non è un caso, Moro", il docufilm di Tommaso Minniti , tratto dalle inchieste di Paolo Cucchiarelli è una ricostruzione puntuale, documentata e in alcuni  passaggi molto toccante della vicenda Moro. 
Si tratta di un lavoro  che rappresenta un punto di non ritorno nella difficile opera di comprensione dei 55 giorni più bui della nostra Repubblica e per questo ne consiglio vivamente la visione. 
È importante custodirlo, trasmetterlo, tenerlo presente perché ci restituisce gran parte della verità sul rapimento e l'omicidio dell'ex Presidente della DC e questo rappresenta un valore aggiunto in un paese come il nostro che ha sempre avuto e continua ad avere un rapporto complesso con la ricerca della verità. 
"Non è un caso Moro" ci spiega quanto era ampio il progetto politico di Moro e quale ruolo veniva immaginato per l'Italia nello scacchiere internazionale, al di fuori degli equilibri di Yalta. Per questo la figura di Moro doveva essere eliminata. 
Si può senz'altro dire dire che la sua visione ci rende consapevoli di tutto il male che c'è stato in questa vicenda e di quanto questo abbia avuto un ruolo determinante nel farci essere oggi il paese  che siamo. 
Il mio auspicio - come ebbe a dire il Presidente - è che questo docufilm contribuisca a far compiere quello sforzo spirituale che ci consenta di collocarci dall'altra parte della barricata per fare dell'Italia un paese unito, autorevole, rispettato da tutti. 
                                               
                                                      Giovanni Salvatore Ventruto
Non è un caso, Moro: il docufilm diretto da Tommaso Minniti è un'indagine col cuore aperto e fibrillante per l'uomo che è stato sacrificato dalle élite di potere.
Il film appare come un viaggio con una particolare figura cristologica... quella di Aldo Moro... Quel giorno del rapimento era già segnato, come l'inizio del martirio. Nel viaggio lunghissimo e ridondante di figure che attraversano l'immaginario onirico di un sogno/incubo perfino a mo' di Eyes Wide Shut che accompagna con la macchina da presa attaccata agli attori in carne ed ossa, ma che non giocano mai a fare gli attori. In primis proprio il Moro nel corpo di Sergio Damiano che ben presto diventa una sorta di fantasma errante. 
                                                                                                       Andrea Caramanna
QUANDO FINIRA' QUESTA DOLOROSA PRIMAVERA?
"Non è un caso, Moro" è il docufilm, realizzato da Tommaso Minniti, sul rapimento e la morte del Presidente Aldo Moro, tratto dalle due inchieste giornaliste di Paolo Cucchiarelli, Morte di un Presidente e L'ultima notte di Aldo Moro.
Il docufilm va assolutamente visto, io personalmente ne consiglio la visione dopo la lettura dei due libri di Cucchiarelli. E' sicuramente un documento profondamente politico e in una qualche misura poetico. Racconta la poesia di un Paese condannato alla sua sconfitta, si tratterebbe di riflettere se essa debba considerarsi perpetua. La morte di Moro ha certamente rappresentato la rottura dell'argine che fragilmente faceva dell'Italia un sistema democratico.
Bellissime le musiche di Johannes Bickler
                                                                                      Andrea D'Agosto
foto%2520recensione_edited_edited.jpg
Una sola parola può descrivere questo progetto: DEVASTANTE!
Comprendere la totale inutilità del popolo e il soverchiante potere dei governanti che indisturbato si muove secondo regole non scritte nella più completa e totale libertà, lascia sgomenti, ma soprattutto con quale forza e integrità morale siete riusciti a confezionare un docufilm di straordinaria intensità e veridicità...
il collegamento diretto, essendo originario dell'Emilia Romagna, è con un altro fatto che sembra andare sulla stessa linea d'azione, la strage del 2 Agosto a Bologna.

                                                                                        
... non è un film... E' UNA POESIA!
E la poesia fa più paura delle bombe, perciò è proibito.
Mi sono affezionata istintivamente a Paolo, la sua anima trapela anche dentro casa mia adesso.
La vostra è una poesia struggente e speranzosa allo stesso tempo.
                                                                                                                     Silvana
Ho appena terminato di vedere il film, usando il vostro link, non ho parole, un capolavoro di emozioni, verità, giornalismo, poesia, mai visto nulla del genere.
Ne parlerò con chiunque, deve essere visto nelle scuole, deve essere assolutamente visto da quante più persone possibili.
 Volevo solo ringraziarvi per un opera immensa, non ho parole, ancora grazie.
                                                                                                                                                                                                                                                            Raffaele Cicino
Ho da poco finito di vedere la seconda parte : non sono mai stato toccato così da un film, ma questo non è un film, è molto di più! Coinvolge, emoziona, tocca, strazia il cuore e lascia senza parole, ma con l'unica grande speranza ferma nel profondo del cuore e dell'anima : la Fede ! 
Perché chiunque abbia ancora solo un briciolo di amore per la nostra Italia, non può pensare che finisca così....sono nato nel 1974, di quelle 500 lire era fatta la paghetta che mio padre mi dava da bambino...troppa emozione mi impedisce di scrivere altro ...abbiamo il dovere di lottare per la nostra salvezza ! Grazie infinite a te Tommaso, all'autore dell'inchiesta e a tutti quelli che hanno realizzato questo prezioso capolavoro
                                                                                                         Leonardo Piccini
Come possiamo, noi cittadini, sentirci tutelati da uno Stato che calpesta la verità? Le istituzioni che dovrebbero garantire trasparenza e giustizia si rivelano ogni giorno inaffidabili, pericolose e colluse. Vorrebbero farci credere fatti che ci vengono raccontati in modo manipolato e distorto. È il sistema della menzogna ricordato da Sciascia che così lo definiva “ ….la grande mostruosa macchina che ingoia tante verità per restituirle in menzogna. E lo stato finirà per identificarsi in questa macchina, se non si è già identificato.”
Maria Fida Moro ricordando il padre scrisse: “Ma siamo abbastanza lontani da uno Stato consapevole, serio, onesto e motivato al bene collettivo”. Purtroppo il bene collettivo viene ogni giorno calpestato e ci vogliono illudere di essere liberi. Solo la verità ci renderà liberi.
Sono sempre di Leonardo Sciascia le parole: “Morendo Aldo Moro si è, per così dire, spogliato della tunica democristiana. Il suo cadavere non appartiene ad alcuno, ma la sua morte ci mette tutti sotto accusa”.
Dobbiamo quindi ringraziare chi, come Paolo Cucchiarelli, ha svolto una seria e approfondita inchiesta e un infinito grazie a Tommaso Minniti che ha voluto tradurre in un magistrale docufilm le pagine oscure di quel triste momento in cui l’Italia ha voluto seppellire, insieme a un grande Uomo, la sua dignità e le cui conseguenze stiamo ancora oggi scontando.
                                                                                                Maria Bonetto
foto%2520recensione_edited_edited.jpg
Se hai visto il film, invia un tuo commento a noneuncasomoro@gmail.com